Il progetto

Quanto vale la vita di una donna picchiata, stuprata o uccisa? Cosa succede alle tante donne traumatizzate, sfigurate, rese disabili; alle loro famiglie e a bambini orfani di madri, massacrate dai loro stessi padri?
La testata giornalistica Roba da Donne lo ha chiesto alle donne sopravvissute alla violenza di genere e ai famigliari di vittime di femminicidio.
“Quanto vale la vita di una donna?” – il docufilm in uscita nel 2020 – è la loro risposta!
Un viaggio attraverso un dolore indicibile e una legge che, tra condanne spesso beffarde, rimborsi ridicoli o assenti, iter burocratici, spese legali insostenibili, non è ancora uguale per tutti.
Perché solo attraverso una vera presa di coscienza si può provare a tracciare una strada diversa.

“Finché saremo in vita, le nostre figlie avranno voce, perché le nostre figlie vivono in noi”

Aiutaci a far viaggiare il docufilm!

Lo scopo di “Quanto vale la vita di una donna?” è quello di entrare, insieme alle vittime di violenza e ai familiari delle vittime di femminicidio, nelle scuole e nei cinema delle principali città italiane:

  • per educare le nuove generazioni e non solo a un concetto di amore sano (l’unico che possa definirsi tale), al rispetto e alla parità di genere;
  • per imparare a riconoscere i segnali della violenza;
  • per sapere a chi e come chiedere aiuto;
  • per creare una nuova coscienza sociale informata rispetto a un’emergenza nazionale.

Per chiedere tutti insieme allo Stato italiano risposte adeguate, nel rispetto della nostra Costituzione.